1996 studio Elio Mariucci- Enrico Mascelloni - Piero Dorazio - Elio Mariucci
IL MARINAIO EQUILIBRISTA
La stanza dei giochi apparenti Elio Mariucci
vlcsnap-2019-04-16-20h53m43s016
vlcsnap-2019-04-16-20h52m22s599
IMG_20180527_135340_BURST1

Elio Mariucci nasce in Umbria, a Città di Castello in provincia di Perugia. Inizia il suo percorso artistico con una prima mostra nell’aprile 1973 nella sua città. Seguono altre personali e frequentando l’ambiente artistico cittadino viene in contatto con tutti i suoi protagonisti. Con quattro di loro, Gino Meoni, Corrado Ottaviani, Piero Pellegrini e Gabrio Rossi, fonda il “GRUPPO 13×3”.

Nel 1979, dopo le prime esposizioni, Gabrio Rossi lascia la formazione per proseguire da solo la sua ricerca artistica. Il gruppo, formato ormai stabilmente da soli quattro artisti, durante il suo percorso (1978- 1999), ha dato vita a esperienze entusiasmanti e ha consolidato indissolubilmente l’amicizia che ne è risultata poi, elemento portante.

Nel 1978 il Gruppo organizza a Todi la prima mostra “VISUAL(MENTE)” Nei giorni precedenti, casualmente, i quattro pittori conoscono Piero Dorazio che inaugurerà l’esposizione. Fu l’inizio della lunga amicizia con il grande pittore. Nel giugno del 1987 il Gruppo 13×3 viene invitato alla XXX BIENNALE d’arte “Città di Milano”e nel giugno 1989 alla mostra “AD VILLAM” alla Rocca Paolina a Perugia. Nell’aprile del 1995, con gli amici del Gruppo, Elio Mariucci espone alla FRANKFURTER WESTEND GALERIE, di Francoforte sul Meno.

Il GRUPPO 13×3, con un ritmo di due mostre ogni anno, rimane attivo fino al 1998, cioè fino alla scomparsa di P. Pellegrini prima (1991) e di C. Ottaviani (1999) poi. Da allora, Elio Mariucci e Gino Meoni, fino al 2006, hanno continuato separatamente la loro ricerca artistica.

Nell’ estate 2006, con la mostra “L’ARTE É MOBILE”, svoltasi nel chiostro medievale di S. Francesco in Montone (Perugia), Elio Mariucci invita a collaborare gli artisti da lui stimati, le cui opere mediassero per forma e colori, con una serie di mobili di sua creazione, gettando così le basi per la formazione di un nuovo sodalizio artistico: il GRUPPO ARTEFARE” attualmente operante. Dal 2006 si sono susseguite numerose mostre del nuovo Gruppo e proficue collaborazioni per i concerti del “FESTIVAL DELLE NAZIONI “ di Città di Castello. Per l’edizione 2015, che ha visto come nazione ospite l’Austria, anno dedicato anche al centenario della nascita di Alberto Burri ( Città di Castello 12 marzo 1915 – Nizza 13 febbraio 1995), sei protagonisti del Gruppo ARTEFARE: ( L. Baldelli- G. Meoni- G. Tomassetti- F. Mariacci-A. Lensi e lo stesso E. Mariucci costruiscono e dipingono Il grande fondale (mt. 8 x 2,50), per i concerti del Festival tenuti nella chiesa monumentale di S. Domenico a Città di Castello e contemporaneamente organizzano a palazzo Facchinetti-Pulazzini, la mostra “IL SOGNO E LA MATERIA”: collegamento artistico tra S. Freud (sogno) e A. Burri (materia). Attualmente Elio Mariucci ha focalizzato la sua attività di pittore e scultore, in collaborazione con l’atelier “Legno & Colore da lui fondato, anche sul concetto di “ARTE APPLICATA” che tende a dare a oggetti di uso comune forme e valenze artistiche. Elio Mariucci, nel frattempo, ha continuato la sua ricerca.

Nell’aprile del 2014 organizza la personale “FINO AL ROSSO” opere su tela sculture e oggetti di arte applicata, agli Ammassi del Palazzo Comunale di Citerna (Pg.) e nel luglio dello stesso anno la personale ANÀBASIS, al Centro per l’arte contemporanea “LA ROCCA DI UMBERTIDE (Pg.), con le presentazioni di Emilio Rossi e Marco Baldicchi. Partecipa, naturalmente, anche alle numerose attività che il Gruppo Artefare mette in opera.

L’ultima sua mostra personale è “SEDIMENTI- Dipinti & Poesia” (26 maggio/ 13 luglio 2018) svoltasi alla FRANKFURTER WESTEND GALERIE di Francoforte sul Meno nella quale alcune sue opere sono in permanenza. Nel febbraio 2019 vince il 1° premio premio al concorso internazionale San Valentino Arte 2019 a Palazzo Primavera di TERNI.

Elio Mariucci inoltre, si è da sempre occupato di Poesia, Teatro e Scenografia. Come poeta ha pubblicato le raccolte “IL POZZO IN SOFFITTA” (moleskine poetico-artistico in collaborazione con l’amico poeta e scrittore Emilio Rossi e l’artista fotografa Chiara Burzigotti)-“LA LUNA RICORDO, PROFUMAVA DI TIGLIO” (100 poesie e 11 scatti dell’artista fotografa Laura Rebiscini) e “VOLI DI CANTARIDE” con la prefazione della poetessa Gabriella Bianchi. È in procinto di pubblicare il suo quarto libro dal titolo “SOLO GLI ANGELI CHETANO IL MARE” con la prefazione della poetessa Angela Ambrosini. Ha poi formato le compagnie teatrali:“IL TEATRO DEI LAMPEGGIANTI”- FRUTTA &VERDURA – IL TEATRO DELLA GRAMIGNA – NUVOLE PASSEGGERE, occupandosi di recitazione, regia e scenografie.

Dal 2004 al 2013 ha svolto l’attività di attore e scenografo per il Quartiere del Verziere, nella competizione annuale in occasione dei festeggiamenti della “Sacra Spina” di Montone (Pg.).